Zimbra, spostare le mail da una cartella

A volte può capitare di dover spostare le mail contenute in una cartella, in un’altra dello stesso account.

Questo semplice script mostra come è possibile

#!/bin/bash
# ./move.sh <utente@dominio> <cartella partenza> <cartella destinazione>
user=$1
folder1=$2
folder2=$3
list=$(zmmailbox -z -m ${user} search -t message in:/${folder1} | grep mess | awk 'BEGIN {FS=" "}{print $2}')
array=($list)
riga=0
righe=${#array[@]}
while [ $riga -lt $righe ]; do
    echo ${array[riga]}
    zmmailbox -z -m ${user} mm ${array[riga]} /${folder2}
    let riga+=1
done

Argonavis è in grado di fornire supporto tecnico e commerciale su Zimbra, se hai necessità di altre informazioni puoi mandare un messaggio.

Richiedi Informazioni

29 Giugno 2015

Backscattering

Il backscatter è il termine utilizzato per indicare la diffusione di messaggi di mancato recapito di un messaggio di spam originato da altri, ma utilizzando l’indirizzo email della vittiamo come mittente.

Questo genere di messaggio viene generato perché l’indirizzo email a cui lo spammer, a tentato di inviare il messaggio non esiste, o comunque il server che gestisce quel dominio non è stato in grado di consegnare il messaggio che aveva accettato in precedenza (per approfondire reject vs bounce)

Il problema fondamentale è che il protocollo SMTP impone ad un server che ha ricevuto un messaggio e che per qualsiasi ragione non è stato in grado di consegnarlo, di generare una mail di errore, per avvertire il mittente. Quindi bloccare o limitare questi messaggi sarebbe una violazione del protocollo, vale a dire che la soluzione è molto peggiore del problema.

La chiave per arrivare ad una soluzione è nel passaggio “un server che ha ricevuto un messaggio” infatti il problema si supera evitando che il nostro server riceva (reject) messaggi che non è in grado di recapitare. Il messaggio si intende ricevuto, nel momento in cui viene permessa la trasmissione della parte DATA del messaggio, di conseguenza basterebbe verificare prima di permettere la trasmissione l’esistenza dell’indirizzo per ridurre notevolmente il rischio di backscatter.

Una domanda legittima è del perché devo preoccuparmi di non inviare messaggi che sono richiesti dal protocollo.
Le motivazioni sono:

  1. Perché è molto fastidioso per chi riceve il messaggio ritrovarsi la casella inondata di messaggi di ritorno per email che non sono mai stati inviati.
  2. Perché è altissimo il rischio di finire in RBL e vedersi rifiutata la maggior parte della posta inviata dal server.
  3. Perché il nostro server dovrebbe lavorare per smistare posta che non potrà consegnare e di conseguenza utilizzerà risorse e banda per messaggi inutili.

Zimbra permette di difendersi dal backscatter, il controllo dei recipient si attiva con i seguenti comandi

su zimbra
zmlocalconfig -e postfix_smtpd_reject_unlisted_recipient=yes
zmmtactl upgrade-configuration

Argonavis è in grado di fornire supporto tecnico e commerciale su Zimbra, se hai necessità di altre informazioni puoi mandare un messaggio.

Richiedi Informazioni

26 Giugno 2015

Sender Policy Framework

Sender Policy Framework (SPF), è una tecnica utilizzata per limitare gli abusi nell’invio di messaggi di posta elettronica. Al contrario di altre tecniche che servono a limitare lo spam ricevuto dal dominio, SPF evita che qualcuno possa inviare messaggi utilizzando il nostro dominio come mittente.

La tecnica, codificata nel RFC 4408, consiste nel dichiarare quali sono i server autorizzati a spedire posta per il nostro dominio, ne consegue che un messaggio inviato da qualsiasi altro server a nostro nome si configura come un abuso e di conseguenza il messaggio verrà rifiutato (per appronfondire puoi leggere reject vs bounce) dal destinatario.

Le informazioni sui server autorizzati vengono pubblicate su un record TXT della configurazione del dominio.

Il record viene composto in questa maniera:

"v=spf1 <qualificatore1><meccanismo1> <qualificatore#><meccanismo#>"

I meccanismi possibili sono:

all  ip4 | ip6 | a | mx | ptr | exists | include

ciascun meccanismo può essere preceduto da un qualificatore

"+" | "-" | "~" | "?"

Vediamo alcuni esempi:

E’ valida esclusivamente la posta inviata dalla rete identificata dal record A

"v=spf1 a/24 a:offsite.example.com/24 -all"

E’ valida esclusivamente la posta inviata dall’indirizzo identificato dal record MX

"v=spf1 mx/24 mx:offsite.domain.com/24 -all"

E’ valida esclusivamente la posta inviata dalla rete 192.168.0.1/16

"v=spf1 ip4:192.168.0.1/16 -all"

Argonavis è in grado di fornire supporto tecnico per configurare correttamente il vostro server di posta, se hai necessità di altre informazioni puoi mandare un messaggio.

Richiedi Informazioni

25 Giugno 2015

Reject vs Bounce

Capita che alcuni messaggi ricevuti dal nostro server di posta, non possano essere effettivamente consegnati, ad esempio il destinatario del messaggio non esiste nel nostro dominio.

In questo caso il protocollo SMTP prevede due possibilità: il reject (rifiuto) o il rimbalzo (bounce).

La differenza fra queste due tecniche è abbastanza fine, ma sostanziale.

Nel caso di reject del messaggio il server di posta verifica le intestazioni che gli sono state fornite, e se riscontra degli errori, non accetta il comando DATA, per cui la trasmissione del messaggio viene interrotta prima che il messaggio venga ricevuto.

Nel caso di bounce, invece, il server di posta accetta il messaggio completamente, per analizzarlo successivamente, in questo caso se il server considererà di non poterlo consegnare, deve generare un messaggio da recapitare al mittente per informarlo delle ragioni per cui non è stato possibile consegnare la mail.

Le differenze fra queste due strategie si possono sintetizzare in questa maniera:

  • Reject è meno rapido nella ricezione del messaggio, in sistemi poco performanti rischia di mandare in timeout la sessione SMTP, ma riduce il traffico generato ed evita il rischio di backscattering
  • Bounce è più rapido nella chiusura della sessione SMTP, ma accetta ogni volta l’intero messaggio, anche se non verrà mai consegnato ed è alto il rischio di essere considerato server di backscattering.

Esiste una ulteriore possibilità, detta Silently dropping, tipicamente utilizzata nelle quarantene, il messaggio viene completamente accettato, non viene consegnato (a seguito del verdetto di un insieme di regole) ma non viene generato il messaggio di mancato delivery. L’utente è ancora in grado di sbloccare manualmente la consegna del messaggio.

Argonavis è in grado di fornire supporto tecnico per ottimizzare la tua configurazione, se hai necessità di altre informazioni puoi mandare un messaggio.

Richiedi Informazioni

24 Giugno 2015

Scelta di una buona password

Se il nostro server non permette open relay l’unico modo per poterlo utilizzare per inviare messaggi è sfruttare una utenza valida.

La regola base prevede di evitare, nella scelta di una password, nomi o termini ricavabili da vocabolario, quindi deve essere una sequenza più o meno casuale di caratteri alfanumerici maiuscoli e minuscoli, possibilmente con l’aggiunta di caratteri speciali.

La lunghezza della password costituisce un buon requisito per la robustezza, ad esempio una password lunga 4 caratteri è individuabile in circa 41 milioni di tentativi, mentre una password di 8 caratteri richiede nel caso peggiore 16*10^16 tentativi.

L’elenco completo di regole per la costruzione di una buona password è il seguente:

  • Non utilizzare nomi e vocaboli da dizionario o qualcosa che vi possa essere ricondotto (es. numero di telefono o data di nascita)
  • Utilizzo di caratteri alfanumerici maiuscoli e minuscoli
  • Utilizzo di caratteri speciali (possibilmente da utilizzare all’interno della password e non alla fine)
  • Evitare le ripetizioni di caratteri (maiuscoli o minuscoli) o numeri
  • Evitare di mettere consecutivamente sequenze di lettere solo maiuscole, solo minuscole o numeriche.

La prevenzione rispetto la compromissione di una password è una attività complessa, anche perché spesso è scelta dall’utente e l’amministratore ha poco margine di controllo sulla scelta.

Zimbra permette di definire delle regole, che permettono di validare la password scelta dall’utente

zimbra password

I tecnici Argonavis potranno fornirti informazioni tecniche e commerciali su Zimbra di cui potresti avere bisogno

Richiedi Informazioni

16 Giugno 2015