Nuovi rilasci per “Kaspersky Security for Windows Server” e “Kaspersky Security for Exchange Servers”

Kaspersky ha rilasciato nuove versioni dei seguenti prodotti:
 
 
Kaspersky Security for Windows Server
rilascio della versione 11
(versione 11.0.0.480)
 
Informazioni sul prodotto e download lingua inglese
https://support.kaspersky.com/15569
 
Download lingua italiana
https://www.kaspersky.it/small-to-medium-business-security/downloads/security-for-windows-server
 
 
 
Kaspersky Security for Exchange Servers
rilascio della versione 9.x MR6 (versione 9.6.96.0)
 
Informazioni sulla versione
https://support.kaspersky.com/KS4Exchange/9.6/en-US/100302.htm
 
Informazioni sul prodotto e download lingua inglese
https://support.kaspersky.com/kse9

23 Settembre 2020

Email Security Tester

Per valutare la capacità di intercettazione ed eliminazione delle minacce e dei malware del proprio sistema di posta è disponibile il tool di Libraesva Email Security Tester.

Si tratta di un test gratuito, facile e veloce, non invasivo, del proprio sistema di protezione della posta.

Il tool invia 8 email , NON PERICOLOSE / NON INVASIVE , che simulano diversi tipi di minacce: il vostro sistema di protezione , se ben configurato, deve bloccarle.

Come si effettua il test?

  • Ci si collega al link che potete richiederci a dircom@argonavis.it
  • Si inserisce l’indirizzo email sul quale si vogliono ricevere le finte email malevoli
  • Si conferma l’indirizzo email rispondendo alla email in arrivo
  • Libraesva quindi invierà immediatamente 8 email, ognuna contenente un tipo di minaccia diverso. Le email ricevute sulla mailbox scelta per il test saranno quelle che sono riuscite a bypassare i filtri del sistema di posta.

Le eventuali email che dovessero passare i controlli di protezione del sistema di posta simulano un codice malevole ma non sono pericolose.

Un buon sistema di email security dovrebbe trattenere tutte le email malevoli.

Per informazioni tecnico/commerciali sulle soluzioni Libraesva: dircom@argonavis.it

 

22 Settembre 2020

Attacchi informatici, il 90% parte da una email

Lo specialista di email security Libraesva presenta le evidenze di un’analisi condotta in seno al settore bancario, nazionale ed europeo, con riferimento alla cyber sicurezza con focus sulle email, da anni canale prioritario di veicolazione di attacchi e infezioni malevoli.

Attacchi informatici, il 90% parte da una email

Strettamente intrecciato alla quotidianità delle persone in tutto il mondo, il settore finanziario è al centro delle economie globali e per questo è bersaglio dei cyber criminali che mostrano in misura crescente particolare interesse nel perpetrare i propri attacchi informatici contro le aziende di questo settore, tra le più colpite nell’area EMEA. L’incremento degli attacchi perpetrati contro le banche è cresciuto del +238% dal mese di febbraio 20201 (contro un incremento medio degli attacchi informatici che si attesta solitamente intorno all’80%) e sono oltre 3000 i dipendenti bancari ad avere subito un attacco da inizio anno.

In piena pandemia, Internet ha conosciuto un aumento d’uso per effettuare pagamenti e operazioni finanziarie, incentivando un notevole incremento dei cyber-attacchi. Se aziende e privati rimangono l’obiettivo preferito dei criminali informatici, le banche non sono quindi da meno e sono chiamate a reagire con piani di intervento su più fronti. Un recente studio di Moody’s1 identifica in tre modi come le banche mitigano il rischio informatico. Il primo è una forte governance aziendale, che comprende framework di sicurezza informatica, applicazione di policy e reporting. Il secondo è la prevenzione e la risposta al rischio, e la prontezza di recupero. Il terzo è la condivisione di informazioni con altre banche e l’adozione di standard e protocolli internazionali come strumento per fare fronte comune contro gli attacchi.

“Dal phishing al malware, passando per il Business Email Compromise, non si arresta il flusso delle minacce contro gli istituti di credito di tutto il mondo. In Italia la situazione è in linea con gli altri Paesi Europei e l’auspicio che in qualità di esperti di security possiamo fare è che si concretizzi la definizione di standard comuni utili ad affrontare in modo coeso la minaccia informatica in tutte le sue forme” afferma Paolo Frizzi, Ceo di Libraesva.

Le buone pratiche cominciano dai singoli

Se le banche stanno attuando misure e infrastrutture di protezione dedicate, d’altro canto gli stessi clienti possono contribuire a ridurre l’impatto potenziale degli attacchi via email. Gli esperti degli ESVAlabs, i laboratori di ricerca e sviluppo di Libraesva, grazie alla loro quotidiana attività di verifica e analisi di dati e informazioni trasmesse via email hanno stilato un vademecum di buone pratiche d’uso del canale email che consentono di elevare il livello di protezione dalla crescente e mutevole minaccia informatizzata che si articola in 5 principali punti:

  1. ATTENDIBILITA’ – Quando si eseguono operazioni bancarie, è opportuno operare direttamente dall’applicazione mobile dell’Istituto Bancario o cercando il sito ufficiale tramite i motori di ricerca web, senza selezionare alcun link fosse invece presente in comunicazioni email o SMS. Le mail legittime delle banche infatti solitamente non contengono link, cosa che invece si evidenzia nelle email di phishing
  2. ATTENZIONE – Quando si accede al sito della banca dal browser, assicurarsi che nella barra di ricerca compaia https://www… e che, quindi, la connessione al sito sia sicura. La forma http:// è oggi obsoleta e da considerarsi non attendibile
  3. TUTELA DEI DATI – Nel ricevere email che sembrano provenire dalla propria banca, controllare anzitutto se l’indirizzo email del mittente sia scritto correttamente, senza errori o elementi che destano sospetti, quindi non rispondere ad alcuna email fornendo dati personali relativi al proprio conto bancario o carte di pagamento
  4. SUPERVISIONE – Utilizzare password lunghe e complesse, evitando di ricorrere a quelle utilizzate già per altri siti
  5. CAUTELA – Non eseguire transazioni mentre si è connessi a reti Wi-Fi pubbliche, sia da pc che da mobile

“Questo elenco di piccoli seppur fondamentali accorgimenti consente di attivare un primo filtro umano che abbiamo constatato cooperare perfettamente con i filtri tecnici che i fornitori di servizi email mettono a disposizione degli istituti e degli utenti spiega Rodolfo Saccani, R&D Security Manager di Libraesva. Le tattiche di ingegneria sociale messe in atto dagli attaccanti puntano proprio a cogliere in fallo i più disattenti o noncuranti per varie ragioni. Eppure il fattore umano è in grado anche oggi con le minacce di nuova generazione di fare la differenza e di boicottare le iniziative malevoli degli aggressori”.

Redazione BitMAT – 17/09/2020

18 Settembre 2020

La vulnerabilità Zerologon minaccia i controller di dominio

La vulnerabilità CVE-2020-1472 nel protocollo Netlogon, alias Zerologon, permette ai cybercriminali di hackerare i controller di dominio.

Durante il Patch Tuesday di agosto, Microsoft ha risolto diverse vulnerabilità, tra cui una dal nome CVE-2020-1472. Alla vulnerabilità del protocollo Netlogon è stato assegnato il grado di gravità “critico” (il suo punteggio CVSS era quello massimo, ovvero 10.0). Che potesse rappresentare una minaccia non è mai stato messo in dubbio, tuttavia l’altro giorno Tom Tervoort, il ricercatore di Secura che l’ha scoperta, ha pubblicato un report dettagliato che spiega perché la vulnerabilità, nota come Zerologon, sia così pericolosa e come possa essere sfruttata per hackerare un controller di dominio.

Che cos’è Zerologon?

In sostanza, CVE-2020-1472 è il risultato di una falla nel sistema cifrato di autenticazione Netlogon Remote Protocol. Il protocollo consente l’autenticazione degli utenti e dei dispositivi sulle reti basate su domini e viene utilizzato anche per aggiornare le password dei computer da remoto. Grazie alla vulnerabilità, un cybercriminale può spacciarsi per un computer client e sostituire la password di un controller di dominio (un server che controlla un’intera rete e gestisce i servizi Active Directory), il che gli consente di ottenere le autorizzazioni di amministratore di dominio.

Chi è a rischio?

La vulnerabilità CVE-2020-1472 rappresenta un rischio per le aziende le cui reti sono basate sui controller di dominio su Windows. In particolare, i criminali informatici possono hackerare un controller di dominio basato su qualsiasi versione di Windows Server 2019 o Windows Server 2016, così come qualsiasi edizione di Windows Server versione 1909, Windows Server versione 1903, Windows Server versione 1809 (edizioni Datacenter e Standard), Windows Server 2012 R2, Windows Server 2012, Windows Server 2012, o Windows Server 2008 R2 Service Pack 1. Per portate a termine l’attacco, i cybercriminali dovrebbero innanzitutto penetrare nella rete aziendale, ma questo non è un problema così insormontabile (gli attacchi interni e l’accesso dalle prese Ethernet in locali accessibili al pubblico non sono affatto nuovi).

Fortunatamente la vulnerabilità Zerologon non è ancora stato utilizzata in un attacco reale (o fino ad ora non ci sono state segnalazioni). Tuttavia, il report di Tervoort ha suscitato scalpore, attirando molto probabilmente l’attenzione dei criminali informatici e, sebbene i ricercatori non abbiano pubblicato una proof of concept, non ci sono dubbi che i cybercriminali potrebbero elaborarne una basata sulle patch.

Come difendersi da Zerologon

Agli inizi di agosto, Microsoft ha rilasciato le patch per risolvere la vulnerabilità in tutti i sistemi interessati quindi, se non avete ancora aggiornato i sistemi, vi conviene affrettarvi. Inoltre, Microsoft consiglia di monitorare eventuali tentativi di login effettuati attraverso la versione vulnerabile del protocollo e di identificare i dispositivi che non supportano la nuova versione. Per Microsoft, la situazione ideale sarebbe che il controller di dominio venisse impostato su una modalità dove tutti i dispositivi possano utilizzare la versione sicura di Netlogon.

Gli aggiornamenti non rendono questa restrizione obbligatoria, perché il protocollo remoto Netlogon Remote Protocol non viene utilizzato solo su Windows, ma anche su molti dispositivi basati su altri sistemi operativi. Se si rendesse obbligatorio il suo utilizzo, i dispositivi che non supportano la versione sicura non funzionerebbero correttamente.

In ogni caso, a partire dal 9 febbraio 2021, i controller di dominio saranno tenuti ad utilizzare tale modalità (cioè, costringendo tutti i dispositivi ad utilizzare il Netlogon aggiornato e sicuro), per cui gli amministratori dovranno risolvere in anticipo il problema della conformità dei dispositivi di terze parti (aggiornandoli o aggiungendoli manualmente come esclusioni).

Autore: Hugh Aver
Tratto da Blog Kaspersky – 16/09/2020

17 Settembre 2020

Rientro al lavoro in tutta sicurezza con la promo Endian 2020

Con la pandemia di Covid-19, l’utilizzo di VPN o soluzioni per l’accesso remoto sono diventati estremamente importanti per gli utenti che devono accedere al loro ambiente di lavoro in modo sicuro.

Per dare slancio al business rientrando al lavoro, in tutta sicurezza, dal 14 settembre, il nostro partner Endian offre le seguenti condizioni speciali per i suoi prodotti “top seller”*:

Endian Hotspot 150 e Endian Hotspot 500 Hardware Solutions:

    • Sconto 30% su hardware
    • Sconto 50% su maintenance

Endian UTM Mercury 50 e Endian UTM Mercury 100

    • Sconto 50% su maintenance

 Endian UTM Mini 10 WiFi e Endian UTM Mini 25 WiFi

    • Mini Wifi edition allo stesso prezzo di una Mini standard.

Per ulteriori informazioni: dircom@argonavis.it

*Condizioni della promozione Endian Back 2 Work Promo 2020:

  • Validità: dal 14 Settembre al 15 Novembre 2020
  • Non applicabile a prodotti EDUGOV
  • Non cumulabile con altre promozioni in corso, programmi commerciali o prezzi speciali

14 Settembre 2020