Come creare un cluster di failover in Windows Server 2019

Tratto da Blog Veeam
Autore: Hannes Kasparick – 15/12/2020
 

Questo articolo offre una breve panoramica su come creare un Cluster di failover di Microsoft Windows (WFC) con Windows Server 2019 o 2016. Il risultato sarà un cluster a due nodi con un disco condiviso e una risorsa di calcolo del cluster (oggetto computer in Active Directory).

Preparazione

Indipendentemente dall’uso di macchine fisiche o virtuali, assicurati che la tua tecnologia sia adatta ai cluster Windows. Prima di iniziare, accertati di soddisfare i seguenti prerequisiti:

Due macchine Windows 2019 con gli ultimi aggiornamenti installati. Le macchine hanno almeno due interfacce di rete: una per il traffico di produzione, una per il traffico del cluster. Nel mio esempio, sono presenti tre interfacce di rete (una aggiuntiva per il traffico iSCSI). Preferisco gli indirizzi IP statici, ma è possibile usare anche il DHCP.

Unisci entrambi i server al dominio Microsoft Active Directory e assicurati che rilevino il dispositivo di storage condiviso disponibile nella gestione disco. Non portare ancora online il disco.

Il passaggio successivo prima di poter davvero iniziare è aggiungere la funzionalità Clustering di failover (Server Manager > Aggiungi ruoli e funzionalità).

Riavvia il server, se necessario. In alternativa, puoi anche utilizzare il seguente comando di PowerShell:

 
Install-WindowsFeature -Name Failover-Clustering –IncludeManagementTools

Dopo la corretta installazione, Gestione cluster di failover viene visualizzato nel menu Start in Strumenti di amministrazione Windows.

Dopo aver installato la funzionalità Failover-Clustering, puoi portare online il disco condiviso e formattarlo su uno dei server. Non modificare nulla sul secondo server. Sul secondo server, il disco rimane offline.

Dopo un aggiornamento della gestione disco, viene visualizzato qualcosa di simile a questo:

Server 1 Gestione disco (stato del disco online)

Server 2 Gestione disco (stato del disco offline)

Controllo della disponibilità del cluster di failover

Prima di creare il cluster, dobbiamo assicurarci che tutto sia impostato correttamente. Avvia Gestione cluster di failover dal menu start e scorri verso il basso fino alla sezione di gestione, quindi fai clic su Convalida configurazione.

Seleziona i due server per la convalida.

Esegui tutti i test. C’è anche una descrizione delle soluzioni supportate da Microsoft.

Dopo esserti assicurato che tutti i test applicabili siano stati superati con lo stato “riuscito”, puoi creare il cluster utilizzando la casella di controllo Crea il cluster ora utilizzando i nodi convalidati, oppure puoi farlo in un secondo momento. In caso di errori o avvisi, è possibile utilizzare il report dettagliato facendo clic su Visualizza report.

Creare il cluster di failover

Se scegli di creare il cluster facendo clic su Crea cluster in Gestione cluster di failover, ti verrà chiesto di nuovo di selezionare i nodi del cluster. Se utilizzi la casella di controllo Crea il cluster ora utilizzando i nodi convalidati dalla procedura guidata di convalida del cluster, salterai quel passaggio. Il passaggio successivo rilevante è la creazione del Punto di accesso per l’amministrazione del cluster. Questo sarà l’oggetto virtuale con cui i client comunicheranno in seguito. È un oggetto computer in Active Directory.

La procedura guidata richiede il Nome cluster e la configurazione dell’indirizzo IP.

Come ultimo passaggio, conferma tutto e attendi la creazione del cluster.

La procedura guidata aggiungerà automaticamente il disco condiviso al cluster per impostazione predefinita. Se non l’hai ancora configurato, è possibile farlo anche in seguito.

Al termine, vedrai un nuovo oggetto computer di Active Directory denominato WFC2019.

È possibile eseguire il ping del nuovo computer per verificare se è in linea (se consenti il ping sul firewall di Windows).

In alternativa, puoi creare il cluster anche con PowerShell. Il comando seguente aggiungerà automaticamente anche tutto lo spazio di storage idoneo:

 
New-Cluster -Name WFC2019 -Node SRV2019-WFC1, SRV2019-WFC2 -StaticAddress 172.21.237.32

Puoi vedere il risultato in Gestione cluster di failover in Nodi e nelle sezioni Archiviazione > Dischi .

L’immagine mostra che il disco è attualmente utilizzato come quorum. Poiché vogliamo utilizzare quel disco per i dati, dobbiamo configurare manualmente il quorum. Dal menu contestuale del cluster, scegli Altre azioni > Configurazione impostazioni quorum per il cluster.

Qui vogliamo selezionare manualmente il quorum di controllo.

Attualmente, il cluster utilizza il disco configurato in precedenza come disco di controllo. Le opzioni alternative sono controllo di condivisione file o un account di storage di Azure come controllo. In questo esempio utilizzeremo il controllo di condivisione file. Ecco una guida dettagliata sul sito Web di Microsoft per il cloud di controllo. Consiglio sempre di configurare un quorum di controllo per operazioni corrette. Quindi, l’ultima opzione non è in realtà un’opzione per la produzione.

Basta indicare il percorso e terminare la procedura guidata.

Dopodiché, il disco condiviso è disponibile per l’uso con i dati.

Congratulazioni, hai configurato un cluster di failover Microsoft con un disco condiviso.

Passaggi successivi e backup

Uno dei passaggi successivi consiste nell’aggiungere un ruolo al cluster, un’operazione che non rientra nell’ambito di questo articolo. Non appena il cluster contiene dei dati, è arrivato il momento di pensare a eseguire il backup del cluster. Veeam Agent for Microsoft Windows è in grado di eseguire il backup dei cluster di failover di Windows con dischi condivisi. Consigliamo inoltre di eseguire backup dell’intero sistema del cluster. In questo modo si esegue anche il backup dei sistemi operativi dei membri del cluster, contribuendo ad accelerare il ripristino di un nodo del cluster guasto, poiché non è necessario cercare driver o altro in caso di un ripristino.

27 Gennaio 2021

Backup e ripristino di Microsoft Teams nel NUOVO Veeam Backup for Microsoft Office 365 v5

Tratto da Blog Veeam
Autore: Karinne Bessette – 14/12/2020
 

Per anni Veeam si è affermata come la soluzione di backup n.1 per Office 365: questo è ancora più vero con la versione 5 di Veeam Backup for Microsoft Office 365, che aggiunge backup e ripristino specializzati per Microsoft Teams. La versione 5 comprende inoltre Veeam Explorer for Microsoft Teams, che consente una ricerca granulare tra i componenti di Teams, con un ripristino più rapido e semplice creato per Teams. Inoltre, Veeam ha apportato miglioramenti all’architettura, con un enorme incremento della scalabilità per supportare le aziende più grandi, e ha aggiunto delle nuove API RESTful per contribuire alla gestione dell’automazione.

 

Supporto al backup di Microsoft Teams

Microsoft Teams è uno strumento di collaborazione e comunicazione in tempo reale che ha conquistato il mercato, crescendo di oltre il 50% in 6 mesi e aggiungendo 115 milioni di utenti attivi ogni giorno (1). Teams rende più facile che mai rimanere in contatto, ora che il lavoro a distanza è diventato la norma. Sebbene i dati di Teams abbiano una propria retention di base, quest’ultima non protegge completamente dall’eliminazione accidentale o dalle minacce alla sicurezza che portano alla perdita di dati, né consente la retention a lungo termine a scopo di conformità o normativo.

Il metodo legacy del backup di Microsoft Teams consisteva nell’eseguire il backup dei punti dati sottostanti per Microsoft Teams in SharePoint Online, Exchange e OneDrive. In Veeam Backup for Microsoft Office 365 v5, Veeam sfrutta una nuova API di Microsoft che ci consente di leggere i metadati sottostanti per Microsoft Teams. Questi metadati consentono a Veeam di sapere quale punto dati sottostante è associato a quale canale, per un backup efficiente e un’esperienza di ripristino automatizzata senza interruzioni per Microsoft Teams.

Veeam Explorer for Microsoft Teams include il ripristino di canali, impostazioni, autorizzazioni, applicazioni e schede di Teams, inclusi dati e componenti. Le funzionalità di ricerca avanzate, inclusi 17 parametri di campo per file e post da cercare, rendono l’eDiscovery un gioco da ragazzi. L’explorer consente inoltre la flessibilità di ripristinare i canali di intere organizzazioni fino ai singoli file e messaggi con pochi clic.

 

 

Miglioramenti delle prestazioni

Le prestazioni sono sempre un argomento importante per i software di backup e Veeam Backup for Microsoft Office 365 non fa eccezione. La versione 5 introduce alcune modifiche significative per consentire un’elaborazione delle organizzazioni più veloce e con maggiore scalabilità. In questa versione, gli oggetti di SharePoint vengono ora elaborati in parallelo da ogni sito, il che accelera notevolmente l’elaborazione di siti di grandi dimensioni.

Molti miglioramenti di questa versione derivano dai proxy. Una singola installazione può ora gestire cinque volte il numero di proxy rispetto a prima, consentendo il backup di ambienti più grandi da una console centralizzata. Nella versione precedente, i proxy dovevano essere distribuiti sullo stesso dominio o su un dominio affidabile come il server di backup. Questa versione ora supporta la distribuzione di proxy in gruppi di lavoro, offrendo maggiore flessibilità per lo scale-out di un ambiente. Infine, per migliorare le prestazioni, la versione 5 fornisce un trasferimento dei dati di Office 365 due volte più veloce tra database locali e repository di object storage.

 

 

Aggiornamenti delle API RestFUL

Le API RESTful sono una parte essenziale di qualsiasi software e consentono l’automazione e la semplificazione dei flussi di lavoro. Con l’integrazione del nuovo explorer di Microsoft Teams, Veeam ha anche sviluppato una suite completa di API RESTful per integrare e automatizzare questi ripristini. I report mensili sull’utilizzo che aiutano i provider a estrarre in modo granulare le informazioni di ciascuna organizzazione per la fatturazione possono ora essere elaborati tramite API RESTful in formato JSON. Infine, le API RESTful di Veeam Backup for Microsoft 365 v5 comprendono la possibilità di aggiornare, revocare e aggiungere licenze utente.

 

(1) “L’utilizzo di Microsoft Teams aumenta del 50% a 115 milioni di utenti attivi giornalieri”, the Verge

 

Per informazioni: dircom@argonavis.it

18 Gennaio 2021

Veeam Backup for Microsoft Office 365 v5 c’è

Tratto da LineaEDP
Autore: Redazione LineaEDP – 04/12/2020
 
L’ultima versione di Veeam Backup for Microsoft Office 365 aggiunge la protezione dei dati per Microsoft Teams
 

Veeam Software annuncia la disponibilità generale dell’ultima versione del prodotto in più rapida crescita dell’azienda – Veeam Backup for Microsoft Office 365. La versione 5 aggiunge il backup e il ripristino appositamente creati per Microsoft Teams, rendendo più semplice che mai trovare e ripristinare rapidamente i dati dei team, inclusi gruppi, canali specifici e impostazioni. La protezione di questi dati è fondamentale: il passaggio al lavoro in remoto ha creato un’esplosione nell’adozione di Microsoft Teams nell’ultimo anno, con 115 milioni di utenti attivi giornalieri il mese scorso, in crescita del 475% rispetto ai 20 milioni di utenti attivi giornalieri di quasi 12 mesi fa.

Con una crescita del prodotto dell’85% anno su anno (YoY) nel terzo trimestre del 2020, Veeam Backup for Microsoft Office 365 ha superato i 133.000 download e sono decine di migliaia le aziende che si affidano a Veeam per la protezione dei dati di Office 365: Exchange Online, SharePoint Online, OneDrive for Business e, da oggi, backup e ripristino per Microsoft Teams.

Come sottolineato in una nota ufficiale da Danny Allan, Chief Technology Officer and Senior Vice President of Product Strategy di Veeam: «Microsoft Teams è al centro del processo di produttività di molte persone e detiene una preziosa proprietà intellettuale. La protezione dei dati Microsoft Teams è stata da sempre una sfida. Sebbene i dati di Microsoft Teams abbiano un loro metodo di conservazione di base, non sono completamente protetti dalla cancellazione accidentale o dalle minacce alla sicurezza e non consentono una conservazione a lungo termine per essere in linea con le regole di conformità normative, una grande preoccupazione per molte aziende. Teams non è un’applicazione autonoma: i dati sono distribuiti in Exchange Online, SharePoint Online e OneDrive for Business. Inoltre, le configurazioni dei vari team, che includono impostazioni, membri e struttura, sono componenti essenziali per garantire che i dati siano completamente protetti e recuperabili in modo semplice. Veeam risponde a questa esigenza critica del business proprio attraverso la nuova versione di Veeam Backup for Microsoft Office 365».

C’è anche il nuovo Veeam Explorer for Microsoft Teams

Oltre a salvaguardare le applicazioni, i canali e le schede di Microsoft Teams e tutti i loro dati, Veeam Backup for Microsoft Office 365 fornisce un’esperienza di recovery personalizzata e granulare grazie al nuovo Veeam Explorer for Microsoft Teams. L’Explorer è stato progettato appositamente per Microsoft Teams e include un potente eDiscovery con ampie funzionalità di ricerca che, combinato con un recupero dati efficiente, rende ancor più semplice cercare, trovare e ripristinare rapidamente i dati di cui i team hanno bisogno.

In conclusione, sia che si tratti di Microsoft Teams o dell’intero ambiente Office 365, è responsabilità di ogni azienda proteggere e tenere sotto controllo i propri dati.

Il support Microsoft Teams in Veeam Backup for Microsoft Office 365 v5 include:

Microsoft Teams backup: pieno controllo e protezione dei dati di Microsoft Teams

Recovery più rapido e più semplice: funzionalità di ripristino leader costruite appositamente per Microsoft Teams

eDiscovery senza pari: ricerca granulare tra i componenti di Microsoft Teams per una governance e una conformità senza precedenti.

La v5 offre una grande scalabilità grazie a nuovi miglioramenti architetturali che consentono di aumentare di 5 volte la scala per supportare le aziende più grandi. Inoltre, la nuova versione permette di utilizzare l’interfaccia utente per oltre 100.000 oggetti contemporaneamente. La versione 5 garantisce una velocità di archiviazione degli oggetti di Office 365 fino a 2 volte più veloce, oltre che all’elaborazione parallela per il processamento di enormi elenchi SharePoint Online e a chiamate PowerShell e Rest API che vengono eseguite in pochi secondi.

Veeam Backup for Microsoft Office 365 Community Edition fornisce gratuitamente il backup e il ripristino dei dati di Office 365 per un massimo di 10 utenti, 10 team e un TB di dati SharePoint.

Per informazioni: dircom@argonavis.it

10 Dicembre 2020

Webinar 19 novembre: IPERCONVERGENZA, come virtualizzare senza complessità ed avere la totale “Business Continuity”

Soluzioni iperconvergenti per la “Business Continuity”

webinar : 19 novembre, ore 11

Alla base dell’iperconvergenza di terza generazione c’è una nuova intelligenza del software. Grazie a questa chiave di sviluppo,  “la capacità di calcolo, la virtualizzazione, il networking dei componenti, lo storage e la security” convergono in un’unica architettura gestita attraverso una console di management centralizzata web based html 5.

I concetti su cui si basa l’iperconvergenza permettono di abbassare il TCO e aumentare l’affidabilità dell’infrastruttura garantendo la Business Continuity: un intero data center riassunto in configurazioni che, partendo da un minimo di 2 nodi, sono, al bisogno, scalabili a caldo.

Semplificando l’infrastruttura, diminuiscono le attivita’ di controllo/gestione e i punti di failure. L’ottimizzazione delle risorse, la resilienza della struttura, il backup continuo sono concetti insiti nelle soluzioni di iperconvergenza (by design by default).

La soluzione Sangfor HCI, oltre ad implementare tutti i concetti dell’iperconvergenza di terza generazione, lascia la massima libertà nella configurazione e nella scelta dell’hardware.

Soluzioni iperconvergenti per la “Business Continuity”

webinar : 19 novembre, ore 11

La partecipazione è gratuita, previa registrazione.

ISCRIVITI

Per qualunque richiesta il nostro staff e’ a vostra disposizione: dircom@argonavis.it

18 Novembre 2020

Webinar 19 novembre : Soluzioni iperconvergenti per la “Business Continuity”

Soluzioni iperconvergenti per la “Business Continuity”

webinar : 19 novembre, ore 11

Alla base dell’iperconvergenza di terza generazione c’è una nuova intelligenza del software. Grazie a questa chiave di sviluppo,  “la capacità di calcolo, la virtualizzazione, il networking dei componenti, lo storage e la security” convergono in un’unica architettura gestita attraverso una console di management centralizzata web based html 5.

I concetti su cui si basa l’iperconvergenza permettono di abbassare il TCO e aumentare l’affidabilità dell’infrastruttura garantendo la Business Continuity: un intero data center riassunto in configurazioni che, partendo da un minimo di 2 nodi, sono, al bisogno, scalabili a caldo.

Semplificando l’infrastruttura, diminuiscono le attivita’ di controllo/gestione e i punti di failure. L’ottimizzazione delle risorse, la resilienza della struttura, il backup continuo sono concetti insiti nelle soluzioni di iperconvergenza (by design by default).

La soluzione Sangfor HCI, oltre ad implementare tutti i concetti dell’iperconvergenza di terza generazione, lascia la massima libertà nella configurazione e nella scelta dell’hardware.

Soluzioni iperconvergenti per la “Business Continuity”

webinar : 19 novembre, ore 11

La partecipazione è gratuita, previa registrazione.

ISCRIVITI

Per qualunque richiesta il nostro staff e’ a vostra disposizione: dircom@argonavis.it

31 Ottobre 2020