Spiegati i misteriosi protocolli SPF, DKIM e DMARC

Tratto da: Security Blog Libraesva
Autore: Rodolfo Saccani – 2 novembre 2020
 
 

 

La posta elettronica è una cosa antica, è nata molto più tempo prima di Internet.

Il primo sistema di posta elettronica è nato nel 1965 al MIT. A quel tempo la comunicazione e-mail era limitata entro i confini di un unico mainframe, quei computer multiutente enormi, molto costosi e delicati che occupavano intere stanze climatizzate e richiedevano una supervisione continua.

Nel 1971 avvenne la prima trasmissione di un’e-mail tra computer collegati. È stato un piccolo passo per una singola email, ma un primo enorme passo per l’umanità.

Nel 1982 nacque il protocollo SMTP, questo è il protocollo che utilizziamo ancora oggi per lo scambio di email su Internet.

Il problema principale dell’email (e dell’SMTP) è che, essendo nato in un ambiente collaborativo in cui la sicurezza non era affatto un problema, essendo progettato in un momento in cui l’abuso non era nemmeno un’opzione teorica, il protocollo non aveva alcuna sicurezza a tutto tra i suoi requisiti di design.
Nessuna autenticazione del mittente: chiunque potrebbe fingere di essere chiunque.
Nessuna riservatezza : i messaggi sono stati scambiati e archiviati in chiaro.
Nessun controllo di integrità : non è stato possibile impedire o addirittura rilevare la manipolazione del contenuto dell’email lungo il percorso.
Nessuna protezione sui messaggi non richiesti : chiunque può inviare qualsiasi quantità di e-mail a qualsiasi destinatario.

Poi la posta elettronica è diventata popolare e questi problemi hanno iniziato a comparire rapidamente.

È diventato chiaro che dovevamo fare qualcosa per affrontare questa mancanza di sicurezza nel protocollo. Nessuno ci aveva pensato prima perché nessuno immaginava che l’e-mail sarebbe diventata ciò che è oggi: la principale forma di comunicazione elettronica su cui si basano le nostre società , qualcosa su cui tutte le organizzazioni, le imprese e gli individui fanno affidamento ogni giorno per gestire la propria vita .

Come tutti abbiamo imparato a nostre spese negli anni seguenti, aggiungere la sicurezza in seguito è molto più difficile che inserirla in fase di progettazione. Questo è uno dei principi più importanti del GDPR: se vuoi una sicurezza reale, ne hai bisogno fin dalla progettazione.

Aggiungere la sicurezza come ripensamento è difficile. È ancora più difficile se devi garantire la compatibilità con le versioni precedenti. La posta elettronica è l’esempio più chiaro di quanto sia difficile aggiungere sicurezza a qualcosa che è già distribuito in tutto il mondo, dove è necessario garantire che la posta elettronica possa ancora essere scambiata con server che non sono stati aggiornati ai nuovi standard.

È qui che entrano in gioco gli acronimi che si trovano nel titolo di questo articolo: SPF , DKIM e DMARC sono tre standard che sono stati aggiunti all’email nel tentativo di renderla più sicura.

SPF ha un compito molto semplice: prevenire lo spoofing del dominio. La tua organizzazione può dichiarare al mondo un sottoinsieme di indirizzi IP autorizzati a inviare email per conto del dominio della tua organizzazione. Definendo questo criterio, è possibile impedire ad attori malintenzionati di inviare e-mail fingendo di essere la tua organizzazione.
La configurazione di una policy SPF è molto semplice e relativamente priva di rischi: è sufficiente mappare tutti gli indirizzi IP che la tua organizzazione utilizza per inviare email. Un piccolo sforzo per ciò che ricevi in ​​cambio e se hai enumerato correttamente tutti i tuoi indirizzi IP legittimi da cui invii email, nessuna email andrà persa.
SPF non è perfetto, però, e non è sufficiente per prevenire tutti i tipi di spoofing, ma è comunque molto meglio di niente.

DKIM ha uno scopo principale: garantire l’integrità del contenuto dell’email. Integrità significa che il destinatario può rilevare se l’email è stata modificata o manomessa lungo il percorso. Questo avviene tramite una firma elettronica: se la firma è valida, sai che puoi fare affidamento sul contenuto dell’email. Se la firma non è valida, è probabile che il messaggio sia stato manomesso. Questa firma viene aggiunta e controllata automaticamente dai server di posta e l’utente non deve fare nulla.
L’impostazione di DKIM richiede un po ‘più di sforzo rispetto a SPF ma è sicuro: se lo si configura male, l’email non andrà persa.

SPF e DKIM non risolvono ancora completamente il problema del phishing. L’e-mail è un po ‘come una semplice lettera di carta: il mittente e il destinatario scritti sulla busta vengono utilizzati per la consegna, ma il destinatario non vede la busta. Il destinatario vede semplicemente la lettera all’interno della busta e in quella lettera il nome e l’indirizzo del mittente possono essere falsificati. Fondamentalmente, il client di posta mostra il mittente che è scritto nella lettera, non quello sulla busta (che può essere protetta con SPF).

DMARC è stato progettato esattamente per questo scopo: assicurarti che il mittente mostrato dal tuo client di posta elettronica sia affidabile. Ciò viene eseguito pubblicando un criterio DMARC che istruisce i destinatari a verificare se il mittente visualizzato dal destinatario corrisponde a SPF o DKIM. L’email deve essere inviata da un indirizzo IP autorizzato per quel dominio (SPF è ok), oppure deve essere firmata con una chiave legittima di quel dominio (la firma DKIM è ok), altrimenti non verrà consegnata.

DMARC deve essere configurato dominio per dominio dall’amministratore di posta elettronica del dominio di invio. Fornisce un’ottima protezione contro lo spoofing e la rappresentazione, ma la configurazione non è semplice e gli errori nella configurazione possono portare alla perdita della posta elettronica . Pertanto, la configurazione di DMARC deve essere eseguita con competenza, senza improvvisare.

Ci sono altri standard che sono stati introdotti nell’email, come TLS (per crittografare l’email in transito) e S / MIME o PGP per la crittografia end-to-end. Queste sono cose di cui non devi preoccuparti. TLS è gestito automaticamente dai server di posta. S / MIME e PGP hanno un’adozione minuscola a causa delle complessità legate alla gestione delle chiavi da parte degli utenti finali.

Ti interessa SPF, DKIM e DMARC per la tua organizzazione? Dovresti.
Inizia con SPF, quindi procedi con DKIM e infine valuta DMARC.

Queste configurazioni non risolveranno tutti i problemi di sicurezza della posta elettronica, ma renderanno la tua comunicazione e-mail molto più sicura e affidabile.

3 Novembre 2020

Scoperta nuova campagna di phishing rivolta agli utenti italiani

Tratto da BitMAT
Autore: Redazione BitMAT – 23/10/2020
 
Scoperta nuova campagna di phishing rivolta agli utenti italiani. Sfrutta un noto brand di telefonia per sottrarre dati personali
 

Il team di ricerca di Kaspersky ha individuato una nuova campagna di phishing rivolta agli utenti italiani, che sfrutta un noto brand di telefonia con l’obiettivo di rubare i dati personali.

In questi giorni, gli utenti italiani hanno ricevuto una email di phishing che annuncia alla vittima di essere stata selezionata per ricevere in regalo un iPhone XR. Nella mail viene chiesto agli utenti di accedere inserendo i propri dati di contatto e cliccare su un link per reclamare il premio. Di fatto l’obiettivo di questa email è di rubare i dati di accesso degli utenti. Inoltre, il mittente della comunicazione, “National Consumer Center”, è in realtà una finta organizzazione, nota per aver generato e distribuito in passato contenuti dannosi con l’intenzione di truffare gli utenti.

Gli attacchi di questo genere sono utilizzati in molti modi e per diversi scopi, per indurre gli utenti incauti a visitare un sito e inserire le proprie informazioni personali. Possono riguardare, in questo caso, le credenziali finanziarie come le password dei conti bancari o i dettagli della carta di credito, o ancora i dati di login agli account dei social media. Se sottratte, queste informazioni possono essere sfruttate per condurre diverse operazioni illecite, come il furto di denaro o la compromissione delle reti aziendali. Per questo motivi, il phishing è un metodo molto diffuso per avviare un’infezione. Inoltre, il phishing è un metodo di attacco efficace perché è praticato su larga scala. I criminali informatici aumentano le loro possibilità di carpire le credenziali di vittime ingenue inviando numerose email a nome di istituzioni legittime o promuovendo pagine false.

Tatyana Sidorina, Lead web content analyst di Kaspersky, ha commentato: “Sono diversi i tentativi di phishing che utilizzano schemi simili approfittando della notorietà di un brand. Ne osserviamo in continuazione. Ad esempio, secondo i dati anonimi elaborati dai prodotti Kaspersky nel periodo compreso tra il 14 e il 21 ottobre, sono state osservate alcune decine di risorse web sospette in tutto il mondo che proponevano agli utenti il pre-ordine del nuovo iPhone. È probabile però che risorse di questo tipo siano molte di più. Per evitare di cadere nella trappola dei cybercriminali raccomandiamo agli utenti di verificare sempre l’affidabilità delle risorse web e di diffidare di offerte troppo vantaggiose per essere vere.”

Per evitare di incorrere in un questo tipo di truffe, Kaspersky consiglia anche gli utenti di:

  • Fare attenzione alle novità, alle offerte e alle promozioni estremamente generose
  • Verificare che i messaggi provengano da fonti affidabili
  • Non cliccare i link da e-mail o messaggi sospetti
  • Verificare l’autenticità dei siti web visitati
  • Installare una soluzione di sicurezza con database aggiornati che includano la conoscenza delle più recenti risorse di phishing e spam.

28 Ottobre 2020

Cryptshare per inviare allegati di grandi dimensioni

Quando è nata la posta elettronica i file pesavano pochissimi kilobyte, con l’evoluzione tecnologica e cryptsharela conseguente riduzione dei costi, le dimensioni dei file sono aumentate ed anche l’esigenza di spedirli tramite posta elettronica.

Purtroppo non sempre è possibile inviarli, non esistendo un limite massimo standard alla dimensione degli allegati, ciascun amministratore può dare un proprio limite alla dimensione massima.
Questa dimosogeneità ha come conseguenza immediata l’impossibilità di prevedere con certezza se il messaggio verrà consegnato.

Questa situazione è particolarmente fastidiosa, perché dopo aver trascorso molto tempo nel tentativo di inviare il messaggio, potrebbe tornare indietro un messaggio che indica il rifiuto.

Il file sharing su Cloud ha ridotto in parte questo problema, ma ne ha introdotti di diverso tipo, l’operazione non è trasparente ma deve essere fatta in tre fasi: il caricamento, la concessione dei diritti e l’inserimento del link nel messaggio, ed inoltre non garantisce la privacy.11-0

Cryptshare invece è la soluzione ideale a questo problema, integrato nei più diffusi client di posta (ad esempio Outlook) permette di allegare il file di qualsiasi dimensione al messaggio.

Quando il messaggio viene inviato, i file in allegato vengono salvati sul proprio server Cryptshare e crittografati in modo da garantire la privacy.

Il destinatario potrà scegliere di scaricare direttamente dal server cryptshare i file di grandi dimensioni, utilizzando una password che verrà fornita dal mittente, senza dover necessariamente far recapitare il messaggio sul proprio mailserver.

Cryptshare è la soluzione completa per rendere moderna la posta elettronica.

argonavislab

Argonavis ed i suoi tecnici sono a tua disposizione. Contattaci per richiedere una demo del prodotto e rendere moderna la tua posta elettronica.

Richiedi Informazioni

22 Aprile 2016

Webmail Zimbra in modalità offline

Dalla versione 8.5 Zimbra permette l’accesso, alle mail già visualizzate della propria mailbox anche quando si è offline. Questo è possibile sfruttando le funzionalità di cache del browser introdotte con HTML5.

Per attivare la “modalità non in linea” occorre andare sul menu operazioni, che appare premendo vicino al proprio indirizzo email, nella webmail in alto a destra.

Modalità non in linea

Selezionata la voce Modalità non in linea compare la richiesta di attivazione

Schermata del 2015-04-22 08:21:38

Selezionato “Consenti modalità non in linea” e premuto OK, andrà ricaricata la pagina

Schermata del 2015-04-22 08:21:46

Ricaricata la pagina, il browser copierà nella propria cache gli elementi da visualizzare anche in assenza di connettività. Durante il periodo di sincronizzazione possiamo osservare, il simbolo che indica la sincronizzazione in corso, in alto a destra (a fianco del pulsante aggiorna pagina).

Abbiamo possibilità di indicare, per ciascuna cartella, dalle proprietà della cartella, per quanti giorni vogliamo conservare nella cache del browser i nostri messaggi.

Schermata del 2015-04-22 08:33:21Schermata del 2015-04-22 08:21:57 Schermata del 2015-04-22 08:22:38

Questa funzionalità è molto utile quando si utilizza la webmail al posto del client di posta ed è necessario un utilizzo in mobilità ed assenza di connettività.

Con questa funzionalità la webmail di Zimbra aggiunge a tutti i vantaggi di una webmail il vantaggio dell’utilizzo del client ovvero la possibilità di conservare localmente una copia dei messaggi, rendendo la webmail di Zimbra insuperabile.

Se hai necessità di informazioni su Zimbra

Richiedi Informazioni

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio (richiesto)

    Codice di controllo (richiesto)

     

    23 Aprile 2015