Disponibili le patch per 64 vulnerabilità nei prodotti Microsoft

 
Tratto da Blog Kaspersky
Autore:  Editorial Team – 16/09/2022
 
 
Microsoft ha rilasciato una patch per 64 vulnerabilità presenti in una serie di prodotti e componenti di diverso tipo, da Windows e Office, a Defender e Azure.

Cinque vulnerabilità sono critiche. Due vulnerabilità sono state diffuse prima del rilascio della patch (il che le rende tecnicamente zero-days), mentre una è già stata sfruttata da alcuni cybercriminali.

Si consiglia di installare gli aggiornamenti il prima possibile.

Vulnerabilità critiche

Tutte e cinque le vulnerabilità critiche appena corrette appartengono alla classe RCE (Remote Code Execution), ovvero possono essere utilizzate per eseguire codice arbitrario sui computer delle vittime.

  • CVE-2022-34718: si tratta di un bug presente nel protocollo TCP/IP di Windows, con un punteggio CVSS pari a 9,8. Un utente non autorizzato può utilizzarlo per eseguire codice arbitrario sul computer Windows attaccato con il servizio IPSec abilitato inviandogli un pacchetto IPv6 appositamente creato.
  • CVE-2022-34721 e CVE-2022-34722: si tratta di due vulnerabilità nel protocollo Internet Key Exchange che consentono a un criminale di eseguire codice dannoso inviando un pacchetto IP a un computer vulnerabile. Entrambe hanno un punteggio CVSS pari a 9,8. Nonostante queste vulnerabilità interessino solo la versione del protocollo IKEv1, Microsoft ricorda che tutti i sistemi Windows Server sono vulnerabili perché accettano pacchetti sia v1 che v2.
  • CVE-2022-34700 e CVE-2022-35805: sono due vulnerabilità che interessano il software di Microsoft Dynamics CRM. Se sfruttate, consentono a un utente autenticato di eseguire comandi SQL arbitrari, dopodiché l’hacker può aumentare i propri diritti ed eseguire comandi all’interno del database di Dynamics 365 con diritti di db_owner. Dato che un utente malintenzionato deve in qualche modo autenticarsi, il punteggio CVSS assegnato a queste vulnerabilità è leggermente inferiore ad altri (8,8), ma sono comunque considerate critiche.

Altre vulnerabilità sono elencate nell’articolo del Blog Kaspersky

19 Settembre 2022

Patch Microsoft per vulnerabilità su Exchange Server

Tratto da Blog Kaspersky
Autore: Hugh Aver – 09/03/2021
 
 
 
 

Microsoft ha rilasciato una patch fuori programma per risolvere numerose vulnerabilità presenti su Exchange Server. Secondo quanto afferma l’azienda, quattro di queste vulnerabilità sarebbero già state utilizzate in attacchi mirati, per questo installare le patch al più presto è di sicuro la decisione più saggia.

Qual è il rischio?

Le quattro vulnerabilità più pericolose già sfruttate consentono ai cybercriminali di effettuare un attacco in tre fasi. Prima accedono a un server Exchange, poi creano una web shell per l’accesso da remoto al server e infine utilizzano questo accesso per rubare dati dalla rete della vittima. Le vulnerabilità sono:

  • CVE-2021-26855, che può essere utilizzata per la falsificazione delle richieste dal lato server e che porta all’esecuzione di un codice da remoto;
  • CVE-2021-26857, che può essere utilizzata per eseguire un codice arbitrario per conto del sistema (anche se questa fase richiede diritti di amministratore o lo sfruttamento della vulnerabilità menzionata nel punto precedente);
  • CVE-2021-26858 e CVE-2021-27065, che possono essere utilizzate dai cybercriminali per sovrascrivere i file sul server.

I criminali informatici si avvalgono di tutte e quattro le vulnerabilità; tuttavia, secondo Microsoft, a volte sostituiscono la prima fase di attacco con l’utilizzo di credenziali rubate e accedono al server senza sfruttare la vulnerabilità CVE-2021-26855.

La stessa patch corregge alcune altre vulnerabilità minori su Exchange che non sono direttamente collegate ad attacchi mirati attivi (per quanto ne sappiamo).

Chi è a rischio?

La versione su cloud di Exchange non è interessata da queste vulnerabilità, che rappresentano una minaccia solo per i server all’interno dell’infrastruttura. Inizialmente Microsoft aveva rilasciato aggiornamenti per Microsoft Exchange Server 2013, Microsoft Exchange Server 2016 e Microsoft Exchange Server 2019, e un ulteriore aggiornamento “Defense in Depth” per Microsoft Exchange Server 2010. Tuttavia, a causa della gravità dell’attacco, hanno esteso la patch anche su Exchange Server obsoleti.

Secondo i ricercatori di Microsoft, a sfruttare le vulnerabilità per rubare informazioni riservate sono stati i criminali informatici del gruppo Hafnium. I loro obiettivi includono grandi industrie statunitensi, ricercatori di malattie infettive, studi legali, organizzazioni no profit e analisti politici. Il numero esatto delle vittime non è ancora noto, ma secondo le fonti di KrebsOnSecurity parliamo di almeno 30.000 aziende negli Stati Uniti, tra cui piccole imprese, amministrazioni comunali e governi locali, la cui  sicurezza è stata violata utilizzando queste vulnerabilità. I nostri esperti hanno scoperto che a essere in pericolo non sono solo le aziende americane: i criminali informatici di tutto il mondo stanno già sfruttando queste vulnerabilità. Troverete maggiori informazioni sulla geografia dell’attacco nel nostro post su Securelist.

Come difendersi dagli attacchi su MS Exchange

  • Prima di tutto, installate la patch per Microsoft Exchange Server. Se la vostra azienda non può installare gli aggiornamenti, Microsoft raccomanda una serie di soluzioni alternative;
  • Secondo Microsoft, negare a risorse non affidabili, l’accesso al server Exchange sulla porta 443, o in generale limitare le connessioni dall’esterno alla rete aziendale, può fermare la fase iniziale dell’attacco. Ma tale metodo non aiuterà se gli i cybercriminali si trovano già all’interno dell’infrastruttura o se ottengono l’accesso di un utente con diritti di amministratore per eseguire un file dannoso;
  • Una buona soluzione di Endpoint Detection and Response (se avete esperti in azienda) o specialisti esterni che si occupano di Managed Detection and Response possono rilevare questi comportamenti dannosi;
  • Tenete sempre a mente che ogni computer connesso a Internet, sia esso server o workstation, ha bisogno di una soluzione di sicurezza per endpoint affidabile, in grado di gli exploit e di rilevare in modo proattivo i comportamenti dannosi.

Per informazioni sulle soluzioni Kaspersky: dircom@argonavis.it

10 Marzo 2021

Nuove patch Zimbra: 9.0.0 Patch 10 + 8.8.15 Patch 17

Tratto da: Blog Zimbra
Autore: Urvi Mehta – 16 dicembre 2020
 
 
 

 

Zimbra 9.0.0 “Kepler” Patch 10 e 8.8.15 “James Prescott Joule” Patch 17 sono ora disponibili.

 

Per Zimbra 8.8.8 e versioni successive, non è necessario scaricare alcuna build di patch. I pacchetti di patch possono essere installati utilizzando i comandi di gestione dei pacchetti Linux. Fare riferimento alle rispettive note di rilascio per l’installazione delle patch sulle piattaforme Red Hat e Ubuntu.

Nota: l’installazione di un pacchetto zimbra-patch aggiorna solo i pacchetti principali di Zimbra.

Nginx Upgrade (Beta)
Aggiornato Nginx di terze parti dalla versione 1.7.1 alla 1.19.0.
Supporto di Nginx 1.19.0 per TLSv1.3.

 

Zimbra 9.0.0 “Kepler” Patch 10

La patch 10 è disponibile per la versione GA di Zimbra 9.0.0 “Kepler” e include correzioni di sicurezza, novità, problemi risolti e problemi noti come elencato nelle note di rilascio .

Installazione della patch

Fare riferimento alle note di rilascio per l’installazione di Zimbra 9.0.0 Patch 10 su piattaforme Red Hat e Ubuntu.

 

Zimbra 8.8.15 Patch 17 “James Prescott Joule”

La patch 17 è disponibile per la versione GA di Zimbra 8.8.15 “James Prescott Joule” e include correzioni di sicurezza, novità, problemi risolti e problemi noti come elencato nelle note di rilascio .

Installazione della patch

Fare riferimento alle note di rilascio per l’installazione di Zimbra 8.8.15 Patch 17 su piattaforme Red Hat e Ubuntu.

23 Dicembre 2020

Software non aggiornato, quanto mi costi?

Tratto da LineaEDP
Autore: Redazione LineaEDP – 04/12/2020
 
 
Secondo un’indagine Kaspersky, le PMI con software obsoleti subiscono il 53% in più di danni economici in caso di violazione dei dati
 
 
 
 

Secondo un recente report di Kaspersky intitolato: “How businesses can minimize the cost of a data breach”, in caso di violazione dei dati le enterprise europee che utilizzano tecnologie obsolete subiscono il 23% delle perdite economiche in più rispetto alle aziende che aggiornano i propri software in modo tempestivo.

Per le PMI la differenza è ancora più netta, arrivando fino al 53%. Avere in uso software datati e non aggiornati è un problema abbastanza comune tra le imprese, infatti, quasi la metà delle organizzazioni europee (44%) utilizza almeno una tecnologia obsoleta nelle proprie infrastrutture.

Tutti i software presentano qualche vulnerabilità ma patch e aggiornamenti regolari possono minimizzare il rischio che vengano sfruttate. Per questo motivo si consiglia sempre agli utenti di installare le ultime versioni dei software non appena queste vengono rilasciate, anche se a volte richiedono molto tempo alle imprese.

Tenuto conto che in Europa il 44% delle aziende utilizza almeno una qualche forma di tecnologia obsoleta risulta fondamentale che le imprese diano la priorità al rinnovo dei software e si dimostrino disposte a investire per ottenere un risparmio economico sul lungo termine.

Software e OS non aggiornati: le perdite in euro

Nel caso in cui a subire una violazione dei dati sia un’impresa che utilizza tecnologia obsoleta come ad esempio sistemi operativi non aggiornati, vecchi software e dispositivi mobile non supportati, la perdita economica si attesta a 753.500 euro, il 23% in più dei costi per le aziende con tecnologie completamente aggiornate la cui perdita è di 610.000 euro. Guardando alle PMI con tecnologia obsoleta il danno economico totale è di 86.000 euro, ovvero il 53% in più rispetto ai 56.000 euro delle PMI che hanno installato tutti gli aggiornamenti necessari.

Tra le ragioni che vengono fornite per giustificare il mancato aggiornamento delle tecnologie, quella più comunemente segnalata è l’incompatibilità degli aggiornamenti con i software aziendali (46%). Questa motivazione può essere molto importante per le organizzazioni che sviluppano software internamente per soddisfare le loro esigenze o quando si utilizzano applicazioni molto specifiche con supporto limitato. Gli altri motivi segnalati appaiono più concreti: i dipendenti spesso si rifiutano di lavorare utilizzando le nuove versioni dei software (46%). In alcuni casi, le tecnologie non vengono aggiornate perché appartengono ai membri della C-suite (25%).

Come sottolineato in una nota ufficiale da Sergey Martsynkyan, Head of B2B Product Marketing di Kaspersky: «Qualsiasi costo aggiuntivo può rivelarsi un problema per le aziende, soprattutto in questo periodo. La situazione economica mondiale è instabile a causa della pandemia ed è prevista una diminuzione degli investimenti nel settore IT e nella cybersecurity. Per questo motivo nel report di quest’anno “IT Security Economics” abbiamo voluto indagare come le aziende possano ridurre i danni in caso di incidenti di sicurezza informatica. Il report argomenta in modo approfondito l’importanza della questione legata ai software obsoleti. Anche se è impossibile sbarazzarsene da un giorno all’altro, esistono alcune misure da prendere per minimizzare il rischio. Le imprese non solo possono risparmiare denaro, ma possono anche evitare altre potenziali conseguenze – il che è cruciale per qualsiasi azienda».

Come risparmiare denaro e ridurre i rischi di data breach

Per risparmiare denaro e ridurre al minimo il rischio di violazione dei dati come conseguenza delle vulnerabilità dei software, Kaspersky suggerisce di adottare le seguenti misure:

  • Assicurarsi che l’azienda utilizzi l’ultima versione dei sistemi operativi e delle applicazioni scelte, abilitando le funzionalità di autoaggiornamento in modo che il software sia sempre aggiornato.
  • Se non è possibile aggiornare il software si consiglia, insieme ad altre misure, di gestire questo vettore di attacco separando in modo intelligente i nodi vulnerabili dal resto della rete.
  • Attivare la funzione di vulnerability assessment e di gestione delle patch della soluzione di protezione degli endpoint. In questo modo è possibile eliminare automaticamente le vulnerabilità nel software dell’infrastruttura, installare le patch in modo proattivo e scaricare gli aggiornamenti essenziali del software.
  • È importante aumentare la consapevolezza riguardo la sicurezza e le competenze pratiche in materia di sicurezza informatica per i manager IT, in quanto sono in prima linea quando si tratta di aggiornamenti dell’infrastruttura informatica. Un corso di formazione online sulla cybersecurity può essere d’aiuto.
  • I sistemi IT critici e le tecnologie dei sistemi operativi devono essere sempre protetti indipendentemente dall’eventuale disponibilità di aggiornamenti dei software. Questo vuol dire che dovrebbero consentire solo attività prestabilite dai sistemi. KasperskyOS supporta questo concetto, conosciuto anche come cyber-immunity, che viene utilizzato per costruire sistemi IT secure by design.

Per informazioni sulle soluzioni Kaspersky: dircom@argonavis.it

11 Dicembre 2020

NUOVE patch Zimbra: 9.0.0 Patch 8 + 8.8.15 Patch 15

Tratto da: Blog Zimbra
Autore: Urvi Mehta – 26 ottobre 2020
 
 
 

 

 

Zimbra 9.0.0 “Kepler” Patch 8 e 8.8.15 “James Prescott Joule” Patch 15 sono ora disponibili.

Per Zimbra 8.8.8 e versioni successive, non è necessario scaricare alcuna build di patch.

I pacchetti di patch possono essere installati utilizzando i comandi di gestione dei pacchetti Linux.

Occorre fare riferimento alle rispettive note di rilascio per l’installazione delle patch sulle piattaforme Red Hat e Ubuntu.

Nota: l’installazione di un pacchetto zimbra-patch aggiorna solo i pacchetti principali di Zimbra.

 

 

Zimbra 9.0.0 “Kepler” Patch 8

La patch 8 è disponibile per la versione GA di Zimbra 9.0.0 “Kepler” e include novità, problemi risolti e problemi noti elencati nelle note di rilascio.

Installazione della patch

Fare riferimento alle note di rilascio per l’installazione di Zimbra 9.0.0 Patch 8 su piattaforme Red Hat e Ubuntu.

 

 

Zimbra 8.8.15 Patch 15 “James Prescott Joule”

La patch 15 è disponibile per la versione GA di Zimbra 8.8.15 “James Prescott Joule” e include Novità, Problemi risolti e Problemi noti elencati nelle note di rilascio.

Installazione della patch

Fare riferimento alle note di rilascio per l’installazione di Zimbra 8.8.15 Patch 15 su piattaforme Red Hat e Ubuntu.

 

2 Novembre 2020